“La Georgia nel cuore”Intervista a Lali Panchulidze

0
55

Intervistiamo Lali Panchulidze, presidente dell’associazione culturale internazionale cristiana ecumenica Italia Georgia Eurasia (ACIGEA), giornalista corrispondente estera della televisione nazionale georgiana Kartuli TV, da poco anche rappresentante ufficiale della Georgian Airways in Italia.

DOMANDA – Lei si è sempre occupata di PR ed eventi legati all’arte, alla moda, al design… ed ora si trova rappresentante di una importante compagnia aerea in Italia… un bel cambiamento…
RISPOSTA – In realtà sono cose interconnesse fra loro che possono, devono e saranno sviluppate lungo l’asse eurasiatico Bergamo Tbilisi, Italia Caucaso. Georgian Airways è la compagnia nazionale di bandiera e promuove il turismo, gli scambi culturali e commerciali, nuove sinergie economiche e geopolitiche.

D – Per ora avete due voli settimanali, sia per passeggeri che merci, dall’areoporto internazionale Caravaggio di Bergamo Orio al Serio, il martedi e il venerdi…
R- Esattamente, con partenza dall’Italia alle ore 14.30, dovendo essere in areoporto almeno due ore prima per imbarco bagagli e verifica doganale. Ma dalla capitale georgiana si può andare agevolmente in tutto il Caucaso, in Russia, e oltre: Iran, India, Cina… Ed i progetti di interconnessione sono tanti…

D – Sono aree geopolitiche in fermento…
R Le provocazioni provengono da molto lontano… Non si può imporre a tutti, con la forza di sanzioni e armi, il medesimo modello culturale di sviluppo. Io sostengo l’autodeterminazione dei popoli, la pace e il buon vicinato fra tutti i fratelli che hanno convissuto per secoli insieme, nell’impero zarista e nell’unione sovietica. Serve un nuovo equilibrio mondiale multipolare, rispettoso delle diverse identità e sfere di influenza. Ma non voglio parlare di politica…

D – A proposito, la famosa inchiesta?
R- Archiviata, capitolo chiuso. Nubi tossiche artificiali hanno tentato di ofuscare il sole ma sono state spazzate via dal forte vento della verità… Non è stato commesso alcun reato, punto. Confermo invece i miei rapporti di collaborazione culturale con diversi rappresentanti delle istituzioni e la mia generica simpatia per il centrodestra.

D – Lei è anche una contessa, proveniente da una famiglia nobile di antico lignaggio, ed è stata rappresentante della Casa Reale Bagrationi di Georgia che non è una monarchia ma una repubblica…
R – Io sono una patriota tradizionalista ortodossa e la storia della Georgia coincide con quella della sua millenaria dinastia, a prescindere dagli attuali assetti istituzionali. Si tratta di una questione di identità nazionale ed anche religiosa, visto i tanti santi re e principi Bagrationi venerati dal nostro popolo. Tutto quello che faccio è sempre con la Georgia nel cuore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here